Pagine

martedì 26 giugno 2012

Il futuro, per ora, non esiste


Il fatto è, temo, che quando si comincia a parlare della propria vita, si potrebbe non smetter più. Forse non si dovrebbe smetter più, perché non si può vivere senza ricordare, e per ricordare bisogna parlare. 
Il fatto è, temo, che poche volte si può star certi di non perdere tempo, purtroppo. Ché parlare di sé non è certamente come bere del té, non lo si fa per passare il tempo o ingannarlo, si fa per celebrarlo, e forse, in qualche modo, ritrovare il filo che s'era perduto in qualche anno, qui o là.
il fatto è, temo, che il tempo non è sufficientemente capiente da comprendere il passato ed il presente.
E il futuro?
Il futuro, per ora, non esiste.

2 commenti:

  1. Credo che il tempo sia sufficiente a malapena per il presente; allo stesso modo, il tempo è molto più durevole e spazioso di una vita intera, anche la più lunga. La differenza è solo percettiva; quando hai più vita davanti che dietro, il tempo è qualcosa che ancora in qualche modo (illusorio) ti appartiene; quando hai meno strada di quanta tu ne abbia già fatta, il tempo ti tiene improvvisamente in pugno. Ma noi abbiamo qualcosa che lui non può scalfire: la volontà. La volontà di essere chi vogliamo essere, siamo la prova vivente che le persone si stratificano col passare dei giorni e che, anche se il passato non torna e il futuro non c'è, il solo fatto di esserci, hic et nunc, è già la continua celebrazione di quello che siamo stati.

    Non si tratta solo di ricordi, per fortuna, che per quanto valevoli e fedeli finiscono col modificarsi impercettibilmente, alcuni assumono tinte distorte e sfocate, altri se ne stanno chiusi in cassetti a cui avremo accesso se e solo se, risentiremo mai in qualche angolo di mondo lo stesso odore di quella casa in cui abbiamo siamo stati in villeggiatura quando avevamo sette anni o giù di lì.
    Si tratta di quello che siamo, del modo in cui mangiamo, di come abbiamo imparato ad andare in bici, delle espressioni che caratterizzano la nostra gioia. Noi ci costruiamo, letteralmente; ogni cosa che viene fatta o meno, detta o taciuta, è come una piuma che spunta nel frammisto del nostro piumaggio, è come un puntino in più in un quadro di Degas, è come un pezzetto di noi che, da qualche parte, si poggia, occupando uno spazio quasi fisico.

    In quest'ottica, il tempo è l'unica condizione che, di fatto, ci permette, ogni volta, di diventare quelli che siamo. Magari non è esteso a sufficienza da contenere il passato ed il presente, ma lo è esattamente quanto basta per contenere quello che conta: noi qui e ora.
    E noi, che mica siamo poi tanto scemi, ma non siamo nemmeno così evoluti da rendercene conto, il passato ce lo portiamo addosso, avviluppato al DNA, avvinghiato al cuore, inalberato tra la forma delle nostre dita e quella della nostra mente.

    Domattina, quando ti alzerai e berrai il caffè mentre ti trucchi nel bagno, pensa alle millemila te che l'hanno fatto prima, a quelle che eri tu ma che già non sei più tu, e che fanno di te, giorno dopo giorno, un essere assolutamente unico e irripetibile.

    Bella questa riflessione sul tempo. Bella bella.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho fatto, sai? L'ho fatto, questa mattina. Mi sono guardata allo specchio, mi sono guardata negli occhi e ci ho visto tutto. Tutto quello che sono stata, tutto quello che potrei essere. L'impercettibile riflesso di mille mani ad alzare il mascara e portarlo alle ciglia, mille labbra a tendersi per lasciar scivolare il rossetto, apparentemente uguali ma così diverse nel tempo.
      Ho sorriso, per un attimo, consapevole e complice di me stessa.
      La penso come te, in ogni parola che hai detto.
      Siamo esseri irripetibili, plasmati da quello che siamo stati e siamo in ogni attimo dell nostra vita. Siamo continuamente in costruzione, persino quando dormiamo e la nostra mente sembra vagare senza mete precise, al mattino un nuovo tassello, per quanto minuscolo, sarà comparso in noi.
      Ti ringrazio Miwako, per aver non solo letto, ma "visto" e visto bene, quello che avevo dentro

      Elimina