Pagine

venerdì 1 giugno 2012

Libera recensione - "Cose da salvare in caso di incendio" di Haley Tanner

Che cos'è questo libro?
Questo libro è tante cose. 
Lo capisci subito, quando le prime parole di Vaclav ti parlano dalle righe iniziali della prima pagina, e ti sembra di vederlo, lì, vestito da mago, a fare il suo discorso. 
Ho letto migliaia di commenti su questo libro, alcuni di essi sono riportati anche nel libro stesso...dopo averlo letto, dopo averci riso e pianto sopra, dopo aver conosciuto Vaclav e Lena, voglio dire la mia.
"L'incantevole storia di un amore straordinario", dice una frase sulla copertina del libro. 
E' una storia d'amore, sì, quella che si dipana in queste pagine. Si srotola, corre, non si ferma mai. 
A volte cammina in punta di piedi, però. E quelli, come sempre, sono i momenti più belli. 
Sono i momenti in cui l'amore sfiora l'apice, nella rappresentazione interna delle persone che lo generano. Perché l'amore non nasce mai per caso, l'amore è un'energia che prende vita solo tra due precise interiorità. 
Tra due specifiche interiorità. 
Questo libro è tante cose, ma soprattutto è vita. Vita rappresentata nelle sue forme più semplici, che poi sono le stesse che danno origine ai dolori più grandi e alle gioie più speciali.
Tutte le cose più stupefacenti, alla fin fine sono semplici, anche se sembra un paradosso: "Non potevano sapere che quella giornata avrebbe portato, insieme alle cose belle, anche cose molto brutte. Non sapevano che le cose belle che sarebbero successe avrebbero interagito come elementi chimici con le cose brutte e le avrebbero peggiorate, come pure il contrario." Basta questa frase del libro, a farlo capire. 
Basterebbe solo questa frase, a far capire che la vita è sì una linea continua, che è sì, a senso unico, ma che contiene anche labirinti in cui ci si può perdere, se non fosse per quelle bussole che ci aiutano a ritrovare la strada. 
Ecco, allora, cosa racconta, maggiormente questo libro, e alla fine lo dice il titolo stesso: COSE DA SALVARE IN CASO DI INCENDIO, cose che non si mettono in dubbio, come l'amore più vero, l'amicizia più bella...come il fatto che il nord è, appunto, a nord. 
Le bussole della vita non mentono mai, se siamo in grado di leggerle. Forse in qualche modo questo libro può insegnarci a farlo. Così come ci può insegnare che la verità non sta, spesso, in quello che si dice, ma in quello che si sente e si prova, mentre lo si dice.

Da "Cose da salvare in caso di incendio" di Haley Tanner:

"Se una cosa la senti vicino alle viscere, capisci che dovrai tacerne, perché se la raccontassi e qualcuno ne parlasse male o, peggio, ne ridesse, ci soffriresti molto."

(Vaclav)
"Di solito la gente non sorride per sorridere. Di solito i sorrisi della gente sono una bugia, o un trucco, o una promessa. Invece il sorriso di Vaclav è solo un sorriso, e lui sorride sempre per sorridere."

(Lena)
"Lena non ha la sensazione che oggi sia il suo compleanno perché oggi non ha la sensazione di essere una persona. Non è una sensazione nuova: c'è sempre, anche se affiora e risprofonda come il suo dente del giudizio."

4 commenti:

  1. Ciao! Complimenti per il blog e per la recensione. Davvero bella.
    Questo libro mi attira praticamente da sempre e i brevi estratti che hai recensito nella recensione (li inserisco sempre anch'io nelle mie! :)ne lasciano cogliere un po' dell'essenza che lo caratterizza. Si piazza certamente ai vertici della mia wishlist!
    Se ti va, fai un salto da me: mi farebbe tanto piacere ^^
    Un saluto! Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Grazie!!! Sono felicissima di questo tuo commento perché recensire è qualcosa che mi piace tantissimo e che faccio con un piacere immenso! Sapere che piace ed è in qualche modo utile anche a chi legge le impressioni che mi sono rimaste appiccicate addosso dopo aver letto un libro, è qualcosa di meraviglioso. Grazie, grazie, grazie...certamente farò più di un salto da te!

    RispondiElimina
  3. Leggo questa recensione con un clamoroso ritardo, ma d'altronde è da me! Non ho mai fatto niente puntuale ahah!
    Comunque è una bellissima recensione, concordo con Mik qui sopra. Io sto leggendo ora il libro, sono ancora nella parte dell' "Insieme" e non oso immaginare Vaclav & Lena divisi :S

    Bel blog, passa anche dal mio se ti va :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Veronica! Quando ricevo un complimento su una recensione mi sento felicissima, perché significa che forse sono riuscita a trasmettere qualcosa, e questo è quello che più conta, quando si vuole scrivere. Questo è uno dei libri a cui sento in qualche modo di "voler bene". Ci sono tanti bellissimi libri nelle nostre vite, molti capolavori, ma i libri a cui si vuole bene sono rari. Io la penso così. Passerò senz'altro dal tuo blog!

      Elimina