Pagine

lunedì 1 ottobre 2012

Piovono maschere

Questa notte ho fatto uno strano sogno. Da un cielo nuvoloso e plumbeo cadevano, al posto delle gocce di pioggia, milioni di maschere di carnevale. Erano semplici, di quelle che coprono solo gli occhi, coloratissime e sgargianti. Vederle scendere dal cielo, come se non si rendessero conto di quanto fossero fuori posto, era nauseante, la loro visione non rimandava allegria, tutt'altro, e ognuna di loro sembrava essere accompagnata da un urlo ridanciano e stonato.
Nausea e brividi, era quello che provavo vedendole scendere come fiocchi di neve malformati nel colore e nell'anima. Ricordo di aver sporto la mano oltre il davanzale e averne sentita qualcuna poggiarsi sul mio palmo aperto. Ricordo la sensazione innaturale di quel tocco, ricordo che è stato quello ad avermi svegliato.
Il tocco, non delicato e fresco come solo la neve sa fare, quando come burro si scioglie a contatto con il calore dei nostri corpi. Era un tocco duro, spigoloso e freddo in maniera irrimediabile, quello delle maschere di carnevale. Un freddo che probabilmente mi ha svegliata, facendomi aprire gli occhi alle 4.30 circa del mattino nel buio di una notte troppo silenziosa.
Ho faticato a riaddormentarmi; e anche quando ci sono riuscita, il sonno in cui sono caduta era agitato e teso.
Difficile dormire, dopo aver sentito quel tocco freddo, quelle risa stonate da maschere troppo colorate senza bocca e con buchi al posto degli occhi.
Che brutto quando l'angoscia si infila nei sogni e crea cieli così terribili da lasciar piovere maschere urlanti...
Che brutto quando ci si sveglia in un buio così silenzioso, perché si ricordano ancora meglio le grida.
Che brutto poi, quando la notte viene contro al riposo, senza lasciarti chiudere gli occhi in pace, senza lasciarti qualche ora senza paura.




3 commenti:

  1. Vivere in questo mondo è difficile, a volte serve urlare...oppure scrivere una poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e forse scrivere una poesia è un po' come permettere all'anima di urlare, a modo suo.

      Elimina
  2. Ho un premio per il blog qui http://libridilo.blogspot.it/2012/10/premio-simplicity.html
    Ciao :)

    RispondiElimina